Blog
 
  • >
    Investimenti ed innovazione dell’attività produttiva

    L’attuale congiuntura economica ha accentuato la cautela delle aziende negli investimenti, in particolare nelle piccole e medie imprese, con il rischio di focalizzarsi eccessivamente sul momento attuale e togliere nuova linfa all’attività produttiva che pur deve proseguire. ...leggi

  • >
    Efficienza del processo di deumidificazione

    La necessità di efficienza nei reparti di stampaggio ha spinto la ricerca sulle principali macchine presenti, siano esse estrusori, presse o soffiatrici, già da tempo ai massimi livelli. Innovazioni e sviluppi su tali macchine comportano investimenti importanti con percentuali minime di miglioramento. ...leggi

  • >
    Downtime: criticità e soluzioni

    La soddisfazione delle esigenze del proprio cliente, sia da un punto di vista qualitativo, sia di tempi di consegna, è l’obbiettivo fondamentale di ogni reparto produttivo, il cui raggiungimento può essere messo alla prova dal cosiddetto downtime, una delle più difficili situazioni da affrontare. ...leggi

Social
 

A Ruota

La serie di deumidificatori WD si basa sull’uso di un tamburo rotante impregnato di miscele di setacci molecolari. Le nuove miscele di setacci disponibili  consentono di raggiungere livelli di dew point inferiori a -50°C. La collaudata tecnologia dei deumidificatori a ruota consente di lavorare con valori di dew point  pressoché costanti lungo tutto il ciclo di lavoro. La serie WD ha l’ulteriore vantaggio, garantito dalla particolare circuitazione dell’aria e il nuovo scambiatore  Triflux, di recuperare grandissima parte del calore prodotto riducendo i consumi energetici fin oltre il 30% rispetto ai tradizionali sistemi di deumidificazione. Il controllo del deumidificatore WD, una volta prefissato il valore di dew point desiderato, opera a valore costante permettendo trattamenti controllati del materiale e  risparmiando sui consumi energetici. I deumidificatori della serie WD non necessitano della manutenzione periodica di cambio setacci e non hanno bisogno né di  aria compressa né di acqua (per temperature di lavoro fino a 140°C; oltre è necessario lo scambiatore aggiuntivo ad acqua).